Bambù Guadua

Guadua angustifolia Kunth

La pianta e la sua origine

Questa varietà fu inizialmente identificata come appartenente alle Bambusae fino al 1822 quando il botanico tedesco Karl S. Kunth stabilì che costituiva un genere a sé stante e la identificò come Guadua, mantenendo così la parola usata dalle comunità indigene.

La Guadua è il genere di bambù più importante d’America, endemico di questo continente e composto da circa 30 specie. La Guadua angustifolia, originaria della Colombia, è la più importante grazie alle sue straordinarie proprietà fisico-meccaniche e all’avanzamento dello studio selvicolturale e strutturale condotto nel paese negli ultimi anni. Pur trovandosi allo stato naturale dall’Ecuador al Venezuela e tra 0 e 2.000 m. sul livello del mare, lo sviluppo ottimale delle piante è compreso tra 500 e 1.500 m., con temperature da 17º a 26º C, precipitazioni da 1.200 a 2.500 mm/anno, umidità relativa dell’80-90% e suoli con moderata fertilità e buon drenaggio, caratteristiche della regione centrale delle Ande, nota come l’asse del caffè colombiano.

Boschi di Guadua (Guaduales)

I gruppi di questi Bambù formano i cosiddetti Guaduales, spettacolari foreste dove è generalmente possibile entrare perché non sono particolarmente densi e che danno origine a ecosistemi molto dinamici e altamente specializzati. C’è una grande quantità di vita all’interno, con una moltitudine di piante, mammiferi, uccelli e rettili ad essi associati.

Queste formazioni sono molto importanti anche in aree lontane perché tra le loro funzioni principali sono regolatori di flusso dell’acqua, assorbono l’acqua in eccesso e la rilasciano gradualmente per prevenire possibili inondazioni, prevengono l’erosione del suolo e la deforestazione grazie ai loro rami sotterranei, apportano una grande quantità di biomassa al terreno e sono uno dei più grandi fissatori ambientali di CO2 del pianeta con record di tra 100 e 150 tonnellate per ettaro in ogni ciclo di vita, da 4 a 5 anni.

Crescita e taglio

Il bambù Guadua non aumenta il suo diametro con il passare del tempo, ma emerge dal terreno con il suo diametro determinato, essendo un monocotiledone manca di tessuto cambiario, in modo che non diventi grosso come gli alberi….
A seconda del tipo di terreno e delle condizioni climatiche questi diametri possono arrivare fino a 22-25 cm. anche se di solito sono tra 8 e 13 cm.

Nei primi 6 mesi crescono ad un ritmo molto elevato, che può raggiungere i 15 cm al giorno fino a raggiungere l’altezza finale di 20-30 m. Negli anni successivi l’impianto apporterà biomassa al suolo, fissando CO2 ambientale e sviluppando la sua struttura legnosa.

Dopo circa 4 anni il fusto è considerato avere la maturità ideale per l’uso come materiale strutturale ed è tagliato. Se questo viene fatto bene, nell’impianto inizia un meccanismo di trasferimento rizomatico di energia e si genera un nuovo culmo, in modo da garantire una nuova produzione. Inoltre, uno sfruttamento regolare e controllato favorisce lo sviluppo del Guadual nel suo complesso e ne stimola la rigenerazione naturale.
Si stima che la composizione ideale dei canneti in guaduale sia il 10% dei germogli, il 30% dei fusti giovani e il 60% dei canne mature, con una densità di 4.000-8.000 fusti per ettaro. La produttività stimata per una foresta di Guadua è compresa tra 1.200 e 1.400 fusti per ettaro/anno, il che la rende un’alternativa totalmente efficace al legno per la produzione di laminati strutturali, pannelli, pavimenti, etc…

Canne de Guadua

I fusti di Guadua, con i loro oltre 20 m di altezza, sono tagliati in canne standard di 6 m di lunghezza e, a seconda della loro posizione originaria nello stabilimento, sono state realizzate 3 diverse sezioni.

Le canne ottenute dalla sezione più alta, detta Sobrebasa, hanno pareti sottili ma mantengono un alto contenuto di fibre e sono utilizzate per mobili ausiliari, travi e strisce.

Le sezioni intermedie o Basas sono sottili e molto leggere in relazione alla loro enorme resistenza, mantengono molto bene il diametro esterno e sono molto fibrose, quindi sono le parti più utilizzate nella costruzione, soprattutto nella fabbricazione di travi e capriate composite.

I pezzi della parte inferiore sono chiamati Cepas, hanno un grande spessore di parete, internodi corti e grazie alla loro elevata resistenza alla compressione sono perfetti per la costruzione di colonne.

Trattamento di conservazione in origine

Per evitare che il bambù venga attaccato da insetti xilofagi e per impedire la crescita di funghi, le canne vengono immerse per 4-6 giorni in una soluzione di borace e acido borico in rapporto di 1:1 e una concentrazione del 4-6%.

Prima di introdurre le canne nella soluzione, tutti gli internodi delle canne sono forati, da un lato questo facilita l’immersione perché permette all’aria di fuoriuscire dall’interno delle canne, dall’altro permette l’ingresso del composto nelle diverse sezioni della canna, garantendo così una corretta conservazione grazie alla peremeabilità interna del bambù.

Si potrebbe pensare cheperforando i diaframmi stiamo riducendo la capacità di carico della canna: per determinare questo possibile cedimento, sono stati condotti diversi studi presso l’Università Tecnológica di Pereira in prove di trazione con steli forati e non forati e nei test si può osservare solo una diminuzione della resistenza di circa il 2%, molto poco significativa rispetto ai grandi benefici forniti da questa tecnica di conservazione.

La conservazione per immersione in pentaborato è considerata eco friendly perché la sua funzionalità non dipende da un prodotto tossico ma dai sali, un prodotto naturale e innocuo a queste concentrazioni.

La miscela impedisce la proliferazione di insetti senza usare veleno grazie alla struttura intrinseca di questi sali di borace, (duri e angolari) in modo che se uno xilofago attacca la canna, queste piccole pietre taglienti trafiggono il suo stomaco impedendo all’insetto di continuare il suo ciclo di vita. Come ulteriore vantaggio, tutti i materiali trattati in questo modo hanno proprietà ignifughe grazie al borace.

Proprietà

Tra le caratteristiche della Guadua c’è la sua straordinaria resistenza a compressione e una buona resistenza al taglio parallelo, che aagiunte alla grande flessibilità che presenta, rendono la canna di Guadua uno strumento particolarmente interessante per la bioedilizia, dove viene catalogata come materiale strutturale sismico-resistente.

L’alta percentuale di fibre presenti nella sua struttura e l’alto contenuto di silice nel suo rivestimento esterno rendono questa varietà di bambù una specie dalle sorprendenti caratteristiche di resistenza e flessibilità che la caratterizzano.

Grazie alla morfologia della Guadua, il diametro dei canneti di questa varietà è molto costante, con una riduzione massima o valore di conicità di circa 5 mm/m.

Lo spessore della parete è generalmente piuttosto alto, anche se può variare a seconda delle diverse sezioni scelte. Nelle basi si possono raggiungere più di 3 cm, (usate per pilastri o dove si richieda resitenza a compressione) mentre nelle parti intermedie lo spessore delle pareti può essere tra 0,8 e 2 cm, dato che il numero interno di fibre è lo stesso questi pezzi sono perfetti per lavorare come travi e travicelli.

La rettilineità o curvatura minima che presentano è totalmente assicurata perché anche se in piantagione sempre alcune possono apparire con curve, le nostre canne sono perfettamente dritte grazie ad un’attenta selezione in origine (i pezzi di questa varietà non sono raddrizzati con il calore come si fa in Cina).

Protezione nella progettazione e manutenzione

Quando si costruisce con bambù in esternoi(come per qualsiasi altro legno) è necessario tenere conto dell’azione del sole sulla superficie delle canne. I raggi ultravioletti sono altamente dannosi in quanto asciugano e danneggiano la superficie e possono anche “squamarsi”.

Per le applicazioni strutturali di Bamboo, quando possibile è preferibile evitare che il sole irradi direttamente le canne, proteggendo la struttura in fase di progetto, includendo aggetti e non lasciando le estremità esposte.

Un’altra importante protezione da tenere in considerazione è quella di evitare il contatto diretto con fonti di umidità perché, sebbene la Guadua preveda un trattamento completo contro funghi e xilofagi, le grandi variazioni di umidità all’interno possono finire per produrre crepe. Questo si evita nelle strutture aggiungendo dei piedini o qualsiasi altro elemento che sollevi il pezzo e permetta all’acqua piovana di defluire.

In Colombia si dice che le case di Guadua debbano includere “un cappello grande e buoni stivali”.

Indipendentemente da questa protezione, per mantenere il bambù nutrito, in buone condizioni e con un aspetto sano utilizziamo oli come quelli utilizzati per l’arredo esterno. La cosa più importante da tenere in considerazione è far respirare la canna mantenendo aperto il poro (a differenza di flatting o pitture sintetiche); oggi sul mercato esistono molti prodotti che svolgono egregiamente la loro funzione di offrire un’elevata protezione contro i raggi UV essendo impermeabili, e mantenere una certa elasticità per evitare crepe con possibili variazioni di forma nella canna. Utilizzando questo tipo di olio, la manutenzione è molto semplice (nuove applicazioni annuali o biennali, senza la necessità di rimuovere il vecchio materiale).

E ‘comune normale che alcune crepe possano comparire nel bambù, sempre longitudinali, che non pongono alcun problema strutturale in quanto le proprietà del bambù rimangono praticamente invariate. Se fosse necessario nascondere queste crepe, sia per ragioni estetiche che per facilitare la pulizia della struttura stessa, l’ideale è coprirle con gli stessi stucchi flessibili usati nel legno, poiché è consuetudine che con un aumento dell’umidità le aperture si richiudano.

Bambù in dettaglio

 

Caratteristiche del Bambù

Bambù in biocostruzione

LCA Analisi ciclo di vita Bambù Guadua

Bambù Moso<https://bambusa.es/caratteristiche-del-bambu/bambu-moso/?lang=it/”>

I Nostri Migliori Prodotti
Loading...

20,95104,45 (IVA incl.)